News

Scontro verbale con superiore? No a licenziamento se reazione a provocazione (Cass. civ., sez. lav., sent. 15.01.2013 n° 807)

ottobre 11, 2013 in News by Albini

In tema di licenziamento per giusta causa, ai fini della proporzionalità fra fatto addebitato e recesso, viene in considerazione ogni comportamento che, per la sua gravità, sia suscettibile di scuotere la fiducia del datore di lavoro e di far ritenere che la continuazione del rapporto si risolva in un pregiudizio per gli scopi aziendali, dovendosi ritenere determinante, a tal fine, l’influenza che sul rapporto di lavoro sia in grado di esercitare il comportamento del lavoratore che, per le sue concrete modalità e per il contesto di riferimento, appaia suscettibile di porre in dubbio la futura correttezza dell’adempimento e denoti una scarsa inclinazione ad attuare diligentemente gli obblighi assunti, conformando il proprio comportamento ai canoni di buona fede e correttezza.

La gravità dell’inadempimento deve essere valutata nel rispetto della regola generale della “non scarsa importanza” di cui all’art. 1455 c.c., sicché l’irrogazione della massima sanzione disciplinare risulta giustificata solamente in presenza di un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali, tale cioè da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro per essersi irrimediabilmente incrinato il rapporto di fiducia, da valutarsi in concreto in considerazione della realtà aziendale e delle mansioni svolte.




Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Sei un professionista?

Vuoi anche tu pubblicare articoli che siano visibili nelle prime posizioni di Google?

E' GRATIS!

Iscriviti adesso per entrare a fare parte gratuitamente del primo social network della consulenza.

Oppure, se sei già iscritto, accedi.

Dal social network

L’Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da sangue infetto (Legge 210/92)

VADEMECUM. La Legge 210/92 ha per oggetto “l’indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da... [continua]

TRATTAMENTI ODONOIATRICI ESEGUITI DA ODONTOIATRI NON ISCRITTI ALL’”ALBO DEGLI ODONTOIATRI”: QUALI CONSEGUENZE GIURIDICHE ?

Il caso non è così difficile dal verifacarsi, anzi, nell'esperienza comune purtroppo capita più... [continua]


-Indagini e controlli su separazioni pre e post coniugali, infedeltà coniugali, assenteismo doppio lavoro,falsi invalidi malattie, fruizione permessi legge 104/92, assegno di mantenimento TARIFFE/COSTI

Gruppo isida : COUPON servizio di investigazioni private -Indagini e controlli su separazioni... [continua]

Pausa pranzo sul posto di lavoro ? In assenza di autorizzazione è reato (Corte di Cass., sent. n. 581/13).

Integra il reato di violazione di domicilio la condotta del dipendente che, in assenza di espressa... [continua]

Risposta dell”Avv.Sergio Paparo a chi definisce l”avvocato “il cancro del paese”

Egregio Signore, ho letto le Sue dichiarazioni rilasciate a Repubblica e riprese da molti... [continua]


can't open file